RELAZIONE BILANCIO PREVISIONE 2002

 

Sono passati ormai dieci mesi da quando amministrate il Comune e in quest’aula mi veniva spesso fatto notare: “Marazzi abbia fiducia nella maggioranza” oppure “Lei manifesta una totale sfiducia verso la nostra intelligenza, fantasia e sensibilità”.

Oggi come allora la sfiducia è rimasta ma la fantasia e la sensibilità lasciano ancora a desiderare.

Ora siamo qui ad approvare, in un momento così importante, il primo bilancio di previsione di questa Amministrazione.

Ci saremmo aspettati qualcosa di importante e di nuovo, invece avete rispettato alla lettera le nostre aspettative, avete fatto quello che facevamo noi negli anni passati; questo ci fa molto piacere perchè significa che, nonostante le tante lamentele, il nostro operato andava  bene così.

Potrei fare l’esame ad ogni Assessore nel suo ambito di riferimento ma sorvolerò. Il mio compito è invece di entrare nel merito e nel contenuto specifico del bilancio, e non ho difficoltà ad ammettere che tecnicamente la stesura dello stesso è corretta e che i calcoli tornano.

Ma tuttavia ci saremmo aspettati delle scelte politiche più incisive e alternative alla linea della precedente Amministrazione.

Vorrei però esprimere alcune nostre osservazioni che riguardano in generale: Ici - Tarsu - Addizionale Comunale - Sicurezza - Servizi Sociali - Mutui - Investimenti - Isola Ecologica.

 

1) Imposte e tasse

 

Secondo il nostro parere, prima di aumentare qualsiasi imposta o tassa, è necessario che l’Amministrazione cerchi di impegnare tutta la sua liquidità e solo qualora ciò non fosse sufficiente si dovrebbero aumentare le tasse ai cittadini.

Quest’ipotesi viene fatta notare perchè troviamo alla voce “interessi attivi” delle entrate un importo molto alto, che in altri anni non si era mai presentato.

Le parole del Sindaco riferite al fatto che con la costruzione della nuova scuola la precedente Amministrazione avrebbe lasciato molti indebitamenti, sono prive di concreti fondamenti, alla luce degli interessi che maturano già da quest’anno.

Se ci fosse realmente il bisogno di aumentare le entrate tributarie, noi pensiamo che prima di toccare la voce Ici - che scaturisce da un prelievo sull’acquisto di un immobile che un cittadino può aver raggiunto con sacrifici - sia importante e più equo aumentare l’addizionale comunale, più connessa alla tassazione del reddito prodotto.

 

Comunque noi riteniamo che non è necessario aumentare alcuna tassa nè quest’anno nè l’anno prossimo, basta semplicemente recuperare l’arretrato almeno com’è stato fatto negli anni precedenti e preventivare correttamente gli incrementi annuali del gettito delle diverse entrate (cosa che quest’anno non è stata fatta).

 

 

2) Sicurezza

 

In materia di sicurezza dei cittadini, ci stanno molto a cuore sia la riduzione della micro criminalità sia l’incolumità dei pedoni.

Proponiamo quindi, data la forte entrata portata dalle contravvenzioni, di ampliare i fondi destinati al progetto finalizzato, che negli anni precedenti prevedeva delle ronde notturne almeno tre volte alla settimana, che dovrebbe essere un valido deterrente in grado di prevenire e reprimere i pericolosi fenomeni su tutto il territorio. Questo era anche l’intento del Sindaco, perciò chiediamo cosa intende fare in futuro. Registriamo invece che l’Amministrazione ha eliminato dal bilancio una spesa di circa 5.000.000 relativa alla stampa di un manuale sulla sicurezza.

Con queste considerazioni richiediamo che il capitolo riguardante il progetto finalizzato sia riconsiderato e conseguentemente aumentato.

 

 

 

3) Servizi sociali

 

Su questo tema ammettiamo di essere molto preoccupati: credevamo, infatti, che si volessero potenziare questi servizi rivolti ai cittadini rispetto al passato, considerando che questa Amministrazione non è riuscita a garantire continuità nella presenza degli obiettori e che la costante disponibilità dei volontari non è sufficiente per dare un servizio migliore al paese.

Abbiamo già avuto modo di notare questa carenza in una passata interpellanza con la quale si chiedeva che questi servizi fossero gestiti in modo che gli anziani non avessero disguidi.

In questo caso l’Amministrazione non è stata in grado di offrire un efficiente servizio ai cittadini, e pur ammirando il lavoro svolto dai volontari, non si è riusciti a gestirlo in modo che gli anziani non avessero da lamentarsi.

Siamo del parere che l’Assessorato debba trovare un rimedio a tutti questi disguidi e,  la riduzione di questo capitolo non è accettabile, si deve ricercare la soluzione adatta con tutti i mezzi disponibili al momento.

 

4) Mutui

 

Dal momento che alcuni mutui stanno per scadere anche quest’anno riteniamo che ci saranno degli interessi passivi inferiori.

Per questa ragione avevamo ipotizzato che in questo bilancio di previsione fosse previsto un mutuo per qualche investimento.

Secondo i nostri conti si poteva fare un mutuo da un miliardo senza chiedere soldi ai cittadini e senza tagliare le spese.

Non vorremmo essere costretti a pensare, che con il passare del tempo questa Giunta non riesca a portare avanti nessuna concreta ipotesi di lavoro: ci troveremmo così ad avere un Comune statico e poco proiettato sulla strada del continuo miglioramento.

Si ricordi che Lei Sig. Sindaco, quando era in minoranza, ci accusava di lasciare un Comune pieno di debiti: tutto questo non è avvenuto anche perchè le abbiamo lasciato in eredità circa 500 milioni.

 

5) Investimenti

 

Su questo delicato argomento abbiamo le seguenti riserve sugli atteggiamenti di questa Giunta:

- il 1° lotto della Scuola Elementare ha avuto un risparmio di oltre 400 milioni   sull’appalto della gara, come sono stati utilizzati?

- se nell’ambito della gara per il 2° lotto della Scuola Elementare ci fosse un    risparmio, come noi crediamo, cosa ne farà?

Nel bilancio ci troviamo invece un investimento di £ 150.000.000, corrispondente a 77.468 Euro, e guarda caso li avete tutti collocati nelle attrezzature e mensa della Scuola Elementare; ma gli altri dove sono andati a finire? Queste sono le importanti risposte che dovete dare ai cittadini.

Quando si parla di Scuola Elementare non posso non pensare al “Comitato contro la Scuola” e mi viene da chiedere al Vice Sindaco, dopo circa un anno che non se ne sente parlare, cosa ne è rimasto, quali sono i suoi sviluppi.

E’ logico quindi convenire con l’idea che il comitato contro la scuola è servito solamente per creare polemiche, per defenestrare un’Amministrazione corretta ed efficiente e in particolar modo per raggiungere il potere con l’unico mezzo che vi era rimasto nelle mani.

Spero siate consapevoli che fra qualche anno dovrete dare risposte chiare ed esaurienti ai cittadini di quello che avete fatto, non potete nascondervi, quello che avrete realizzato rimarrà sotto gli occhi di tutti, ma ci si accorgerà anche e soprattutto di ciò che non avrete fatto.

 

6) Isola Ecologica

 

Sull’isola ecologica non si ha ancora una risposta chiara e definitiva perciò ci terrei a ribadire alcune nostre richieste.

L’investimento dell’isola ecologica era programmato per un importo di £ 340.000.000 tra Cernusco Lombardone e Osnago, l’anno scorso l’Amministrazione Provinciale ha elargito un contributo di £ 80.000.000 perciò la spesa del nostro Comune è risultata di soli £ 130.000.000. In bilancio però noi avevamo previsto £ 170.000.000 e rimanevano così ancora £ 40.000.000, che in Consiglio Comunale si è deciso di accantonare per ulteriori investimenti.

Quest’anno ci aspettavamo quindi di trovare in entrata la somma di £ 40.000.000 corrispondenti all’importo che il Comune di Osnago dava al Comune di Cernusco  Lombardone.

Invece nelle entrate di ciò non c’è nessuna traccia, come mai tutto questo non risulta?

Nel bilancio da Voi redatto si trovano invece £ 15.000.000 per la gestione dell’Isola Ecologica che ci sembrano pochi considerando l’apertura in cinque giorni la settimana.

 

Infine vorrei fare qualche osservazione sui lavori pubblici:

 

Siamo sempre più convinti che l’Amministrazione Comunale non abbia fatto il possibile per mettere a punto questo bilancio perchè, come abbiamo detto precedentemente, la diminuzione degli interessi passivi e la scadenza di qualche mutuo nel corrente anno avrebbero permesso di realizzare ulteriori opere.

Mi riferisco per esempio anche al 1° lotto del cimitero; ancora oggi non sappiamo cosa intendete fare, e dal momento che era tutto finanziato nel 2001 per una somma di £ 280.000.000 ci chiediamo dove sono andati a finire questi soldi.

 

Nel piano triennale delle opere pubbliche, approvato dalla Giunta, le opere erano così suddivise secondo l’anno di realizzazione:

·        Anno 2002: n. 3 opere programmate, di cui una la pista ciclabile di Via Vittorio Emanuele già finanziata con residui di bilancio;

·        Anno 2003: n. 6 opere programmate, di cui due già programmate dalla precedente Amministrazione;

·        Anno 2004: n. 4 opere programmate, di cui tre già programmate dalla precedente Amministrazione.

Tutto questo dimostra che in tre anni le opere proposte autonomamente da questa Amministrazione sono soltanto sette su tredici ed una buona parte si riferiscono al raddoppio ferroviario.

 

Riteniamo inoltre che per la sicurezza dei cittadini sia importante:

 

1)      che la rotonda dell’Esselunga e il relativo sotto passo o sopra passo siano inseriti nei lavori dell’anno 2002, così come il marciapiede che da Via degli Alpini arriva fino all’ex statale.

2)      costruire un marciapiede che porta all’Isola Ecologica.

 

 

Per concludere altre ipotesi potrebbero essere:

 

a)      l’acquisizione dell’area Omnia da destinare a verde pubblico, così come sostenuto più volte dall’attuale Assessore ai Lavori Pubblici;

b)      un marciapiede in Via Verdi per la sicurezza dei cittadini;

c)      la sistemazione della zona San Dionigi.

 

 

Grazie dell’attenzione

     

     p. Democrazia Cernuschese

            Ivano Marazzi