RELAZIONE BILANCIO PREVENTIVO 2004

  

 

 

Anche quest’anno siamo stati chiamati a pronunciarci sul bilancio preventivo, ancora una volta

 

sottostimato in certe voci di Entrata e poco credibile negli investimenti.

 

Questa Giunta non è ancora riuscita a concepire un bilancio pubblico convincente, ogni anno

 

abbiamo dovuto intervenire con sostanziose variazioni di bilancio aumentando sia le Entrate che le

 

Uscite perché non previste precedentemente o ancora peggio perché non valutate con i dati in

 

possesso, tutto questo significa una scarsa programmazione.

 

In questo bilancio preventivo abbiamo notato Entrate aumentate rispetto all’anno precedentemente

 

con percentuali del 10% (vedi ICI corrente) del 15% (vedi contravvenzioni) e del 50% (vedi ICI

 

arretrata), tali aumenti sono stati fatti senza tener conto della reale situazione economica di questo

 

Ente.

 

L’autonomia finanziaria del Nostro Comune copre circa il 60% delle entrate proprie, la

 

compartecipazione IRPEF istituita da circa due anni è una maggiore certezza nelle risorse in

 

sostituzione dei trasferimenti in quanto può essere usata come spesa corrente.

 

Questa Amministrazione pertanto, poichè non ha usufruito di entrate straordinarie come i Condoni

 

tributari ed edilizi, ha la responsabilità di recuperare entrate, non stanziate dal Governo, con il

 

recupero dell’evasione in tutti i settori tributari come imput di entrate certe e di tasse comunali

 

più eque per tutti i cittadini.

 

Per questo sosteniamo che bisogna assumere personale e con rammarico notiamo che in questo

 

bilancio preventivo ancora non è previsto. In questa Amministrazione non vediamo una

 

programmazione lungimirante bensì una serie di slegate azioni quotidiane.

 

Facendo il confronto del bilancio preventivo 2004 con quello relativo al 2003, sempre sottostimato,

 

abbiamo notato che le entrate ICI arretrate hanno avuto un aumento di circa 50.000 €., somma da

 

Noi già stimata nel febbraio 2003.

 

Abbiamo sempre sostenuto, e lo facciamo anche quest’anno, che la maggioranza mantiene alta la

 

voce “Interessi attivi” con un entrata di 30.000 €, questo significa, come ripetuto negli anni

 

precedenti, che questa Amministrazione ha nelle casse comunali circa 1.200.000 € a disposizione:

 

tutti soldi non spesi e più avanti diremo il perché.

 

Dobbiamo sollecitare la maggioranza ad essere più credibile anche con la riscossione degli OO.UU

 

anche perché, non essendoci un reale controllo, tutti gli anni abbiamo un entrata sempre minore e

 

tutto ciò non può che scaturire da una pessima programmazione.

 

Provando ad analizzare gli investimenti di questo bilancio preventivo, con una veloce lettura 

 

possiamo considerarli un totale fallimento. Solo due opere di rilievo: l’Asilo Nido per un impegno

 

di 300.000 € e la sistemazione di Via Santa Caterina per un impegno di 50.000 €. Tutti gli altri

 

investimenti sono di poco conto per un totale complessivo di investimenti di 514.465 €. Se però

 

analizziamo il programma delle opere pubbliche per l’anno 2004/2006 deliberato in data 9.10.2003

 

n. 111 pubblicato all’Albo Pretorio per 60 giorni dal 18.10.2003 al 16.12.2003, vista la delibera di

 

Giunta n. 16 del 12.2.2004 che approva lo schema di bilancio preventivo 2004; Noi notiamo che nel

 

lasso di tempo di due mesi questa Amministrazione ha parzialmente modificato il programma di

 

opere pubbliche riducendolo da impegni per 750.000 € ad impegni per 514.465 € con una

 

discordanza tra bilancio preventivo e programma opere pubbliche di 235.535 € ….. Se Voi

 

sostenete di essere corretti e trasparenti in questo modo, a me risulta davvero difficile comprendere

 

il come e il perché!

 

Valutando ancora più in profondità il Vostro operato ci spingiamo a sostenere che non avete mai

 

fatto conoscere le capacità di Amministratori che Vi siete accaparrati alle elezioni.

 

Siete quindi arrivati al capolinea senza mai essere formalmente partiti.

 

Come potete avere credibilità se in tre anni avete programmato 36 opere e poi ne avete realizzate

 

appena tre?

 

Voi non solo non spendete per opere necessarie ma in alcuni casi sperperate le risorse del Comune

 

vogliamo fare un esempio - i pannelli solari al centro sportivo, nessuna Associazione che opera nel

 

settore è propensa a questa spesa - avete un bel coraggio a presentarVi davanti ai cittadini e

 

sostenere che farete le opere che sono nel Vostro programma elettorale.

 

Sono convinto che alla fine di questo mandato riuscirete a portare a termine un’opera per anno,

 

molto per una maggioranza incapace di programmazione! Ora siamo a quota tre, spero vivamente

 

che le opere che andrete a iniziare non siano scempi per il Nostro Comune e che le prossime

 

amministrazioni non debbano distruggere quello già realizzato.

 

Per citare un altro esempio basta transitare per Via Monza: in certi tratti del marciapiede non passa

 

neppure una carrozzina e pensare che su questa Via doveva essere costruita una pista ciclabile…

 

complimenti!!

 

Se poi parliamo di economicità siamo lontani anni luce, basta constatare quanto è costata fino ad

 

oggi la biblioteca comunale; siamo arrivati già a 70.000 € ed è provvisoria. Vedremo alla fine

 

quanto sarà costata complessivamente, forse troppo per un Comune di 3700 abitanti. Ci sono inoltre

 

altre esigenze per i cittadini, anziani e sicurezza dove sono? 

 

Al punto 6 dei principi alla base del Vostro impegno in Comune, il Sindaco si esprimeva così:

 

“Consulteremo i cittadini prima di intraprendere opere particolarmente onerose e per le quali possa

 

rendersi necessaria l’imposizione di maggiori oneri fiscali o, comunque, la rinuncia ad altri servizi

 

ed opere necessarie”.

 

Non potrebbero essere: l’Asilo Nido o la struttura protetta per gli anziani, temi per la

 

consultazione cittadina?

 

L’asilo nido ospita 25 bambini di cui 4 residenti a Cernusco Lombardone gli altri 21 residenti in

 

Comuni limitrofi, da una Nostra indagine invece è risultato che ben 10 persone anziane potrebbero

 

usufruire della struttura protetta, se poi valutiamo i costi ci risulta che per un bambino dell’asilo

 

nido la spesa si aggira sui 75.000€ invece per un anziano nella struttura protetta  si aggira sui

 

30.000€  questa è economicità.

 

Noi siamo ancor più convinti che l’opera della ristrutturazione debba essere realizzata ma per fini

 

pubblici e non come sostiene il Sindaco di cedere questa struttura ad un privato, questo Noi non lo

 

permetteremo, anche perché una nota del Ministero delle Finanze sulle prestazioni rese presso asili

 

nido e presso case di riposo così si esprime:

 

“Il Comune mette a disposizione dell’utenza case di riposo per anziani ed asili nido. La gestione

 

delle menzionate strutture è articolata come segue:

 

Gestione diretta con impiego esclusivo di proprio personale;

Gestione diretta con impiego misto di proprio personale e prestazioni di servizi rese da soggetti esterni (aggiudicatari di appositi appalti);

Gestione affidata interamente a terzi (aggiudicatari di appositi appalti) con mantenimento in capo al Comune di una funzione di controllo.

 

Il Comune in tale contesto conserva il rapporto con l’utenza da cui incassa i corrispettivi e, per

 

converso paga al soggetto aggiudicatario il compenso contrattualmente pattuito”

 

Questa è l’esatta applicazione  e interpretazione che dà il Ministero delle Finanze, tutto quello che

 

viene fatto fuori da queste indicazioni è contro le norme.    

 

Se vogliamo anche analizzare quanto detto nel 2001 in campagna elettorale non possiamo non  

 

evidenziare il cavallo di battaglia del Sindaco Bagnato “toglieremo le antenne” e l’impegno alla:

 

“elaborazione di un regolamento comunale sull’elettrosmog”. Sono passati tre anni e tutto questo

 

non è avvenuto, però abbiamo letto sui giornali locali che il Sindaco polemizzava con i colleghi

 

limitrofi perché facevano installare antenne a confine con il Nostro Comune senza però risolvere il

 

proprio problema.

 

Noi chiediamo fermamente che questa Amministrazione si impegni a lavorare di più, con idee

 

chiare e senso di responsabilità verso i cittadini per strasmettere quella sicurezza che fino ad ora è

 

mancata, e spero che in questi due anni abbiate una maggiore dose di quel senso del dovere che fin

 

qui è mancato.